Ultime news

Malattie renali croniche: colpiti 2,2 milioni di italiani

«La Mrc - dichiara il Professor Loreto Gesualdo, presidente Sin, in occasione del congresso di Rimini - è una condizione di alterata funzione renale che persiste da oltre 3 mesi ed è classificata in cinque stadi di crescente gravità, dove il 5 stadio corrisponde alla dialisi o al trapianto di rene. I reni sono «i filtri» del nostro organismo e come dei lavoratori instancabili sono impegnati 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 a depurarci dalle sostanze tossiche in gran parte derivanti dall’alimentazione». I reni, ricorda, «sono controllori dell’equilibrio idrosalino, cioè regolano la quantità di acqua e sali contenuta nel nostro organismo, sono i produttori dell’eritropoietina, un ormone che determina la produzione dei globuli rossi, e della renina, un enzima che interviene nel controllo della pressione e, infine, interviene nel processo di attivazione della Vitamina D che regola il metabolismo osseo.»

Terapia complessa
«La Malattia Renale - dichiara Stefano Bianchi, Segretario della Società Italiana di Nefrologia - rappresenta un problema rilevante, in primis per l’impatto che questa patologia può avere sulla qualità della vita familiare e lavorativa delle persone, in secondo luogo per la complessità organizzativa della terapia nella sua fase terminale ed infine per i costi sociali conseguenti al suo trattamento. Si stima infatti che le risorse destinate dal Ssn per la cura solo della fase terminale della malattia, dialisi e trapianto renale, si avvicini al 2% della spesa sanitaria totale (2-2.5 miliardi di euro)». Fondamentale è quindi l’attività di prevenzione.

I dati dei trapianti
Quanto ai trapianti, secondo gli ultimi report relativi al 2016 ed al 2017 in Italia è cresciuto più del 10% il numero di trapianti effettuati, fotografando quindi un trend positivo che ha registrato un totale di 2072 trapianti nel 2016 e arrivando a 2244 trapianti nel 2017. «Questi dati - commenta il Professor Gesualdo - sono indicativi del duplice sforzo fatto dalla Società Italiana di Nefrologia in collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti sia per potenziare il trapianto da vivente e il trapianto preemptive da cadavere sia per sensibilizzare le persone a credere in maniera consapevole al valore del dono come atto d’amore in grado di produrre una reazione a catena di vite salvate. A questo proposito desidero lanciare un appello affinché si parli sempre di più del progetto «Una scelta in comune» che offre la possibilità a tutti i cittadini di esprimere un consenso volontario al dono degli organi, semplicemente recandosi in comune presso gli uffici delle anagrafi, per fare o per rinnovare la carta d’identità elettronica».

Area Video

Intervista al prof. Secchi



WKD - Le 8 regole d'oro



La storia di Nicholas Green

Video precedenti >>

Progetto Trapianto di Rene

Ospedale San Raffaele
Il Progetto nasce dalla comune volontà dell'Unità Operativa Medicina interna e dei Trapianti dell'IRCCS San Raffaele di Milano guidata dal Prof. Antonio Secchi, da Lions Club "La loggia dei mercanti" di Milano e dall'associazione Amici di Martina "Ricerca per la Salute" di contribuire allo studio e alla ricerca di soluzioni future che permettano di migliorare la sopravvivenza del trapianto di rene riducendo l’impatto dei farmaci immunosoppressivi e prevenendo la perdita tardiva della funzione renale. ...continua >>


  • trapianto senza immunosoppressione - studio the one
  • trapianto senza immunosoppressione - studio the one
  • trapianto senza immunosoppressione - studio the one
  • trapianto senza immunosoppressione - studio the one
L'evoluzione delle cura per le malattie si basa sempre di più sulla ricerca scientifica, che è l’unico strumento per ottenere terapie e farmaci che siano provatamente efficaci e con profili di rischio noti, ma è sempre più costosa.

trapianto di reneE' evidente nei paesi più avanzati che il finanziamento della ricerca non possa basarsi solo sui fondi resi disponibili da autorità ed enti pubblici, ma che il concorso di fondi privati sia indispensabile per consentire l’avanzamento della ricerca. E’ altrettanto indispensabile che agli attori principali abitualmente coinvolti nel finanziamento privato della ricerca (Industria Farmaceutica) si associno fonti di finanziamento che garantiscano la libertà intellettuale del ricercatore, senza quel conflitto di interesse che caratterizza la ricerca, pur lecita, dell’ Industria.
Per questa ragione è sempre di più richiesto ai singoli individui di concorrere al finanziamento della ricerca, secondo modalità le più varie. Vedi in questo senso l'istituto del 5 per mille.

L’iniziativa "Trapianto di rene: dalla ricerca la salute" va in questa direzione: cerca supporto finanziario alla ricerca finalizzata al miglioramento della cura nel campo del trapianto di rene. I dettagli scientifici di questa iniziativa sono riportati nella sezione Finalità.
E’ importante sottolineare che la destinazione dei fondi raccolti sarà tracciabile e trasparente e che ogni singolo € raccolto sarà rendicontato e concorrerà, indipendentemente dalla consistenza del finanziamento, al raggiungimento degli obiettivi che ci siamo dati: cure più efficaci e meno rischiose.


  • trapianto di rene
  • trapianto di rene tra viventi

Che cos'è il trapianto di rene?

E’ una procedura chirurgica che consente, attraverso il prelievo di un rene da donatore cadavere o da donatore sano, di ripristinare una buona funzione renale in pazienti affetti da insufficienza renale terminale ...continua >>

trapianto di rene tra viventi


Donazioni

Campagna adesioni 2013

OSR Trapianti è un progetto senza fini di lucro nato per finanziare le attività a sostegno del progetto di ricerca dell’unità trapianti del Dott.Secchi, sono gradite donazioni spontanee da privati ed aziende. Aiutaci, con un piccolo contributo, donando via bonifico.
Grazie per il tuo aiuto.

>> Fai una donazione

Sostenitori

  • sostenitori progetto
  • sostenitori progetto
  • sostenitori progetto
  • sostenitori progetto
  • sostenitori progetto